You are here
Home > Texas Hold’em: l’ABC

Il Texas Hold’em è attualmente il gioco più amato dai giocatori online e coinvolge indistintamente uomini e donne, principianti e professionisti, giovani e adulti.

In Italia esistono numerose poker room che ospitano migliaia di giocatori, la più famose delle quali è indubbiamente PokerStars, seguita da Netbet Poker, Poker Club, GD Poker e BetClic.it Poker, che offrono tutte Bonus di iscrizione gratuiti in Euro oltre a sezioni dedicate a strategie, statistiche, suggerimenti e novità sul mondo del Texas Hold’em. Ogni poker room è caratterizzata da due diverse modalità di gioco: quella play money, con soldi finti dove non si vince né perde nulla, e quella real money che richiede invece il versamento di soldi veri sul conto della poker room, in modo da poter accedere ai tornei a pagamento e ricevere in cambio le chips per cominciare il gioco.

Ma come si gioca a Texas Hold’em?

Prima di iniziare vengono distribuite a ogni giocatore un tot di chips, generalmente 1500 ma possono essere anche di più. Nel Texas Hold’em prima di ricevere le carte hole, cioè le due carte coperte che vengono distribuite a ciascun giocatore, è necessario fare una puntata. Dopo aver ricevuto le carte i giocatori decidono se fare una puntata. Durante il giro delle puntate ogni giocatore può scegliere una delle seguenti azioni:

– bet: puntare aggiungendo soldi al piatto;

– call: coprire la puntata in corso e quindi puntare la stessa cifra dell’avversario;

– fold: passare la mano;

– check: non rilanciare se non vi sono puntate in gioco passando l’azione al giocatore successivo;

– raise: rilanciare incrementando la puntata di un altro giocatore.

Durante il primo giro il giocatore non può fare check ma è libero di puntare, vedere, rilanciare o passare e naturalmente ciascun giocatore deve puntare la stessa cifra dei suoi avversari.

Successivamente vengono disposte contemporaneamente tre carte scoperte al centro del tavolo, le quali possono essere utilizzate da tutti i giocatori per realizzare la mano migliore. A questo punto comincia il secondo giro durante il quale ciascun partecipante ancora in gioco potrà scegliere, tenendo conto delle giocate dei suoi avversari, tra le seguenti opzioni: bet, fold, call, check e raise. Se punta un solo giocatore mentre tutti gli altri passano finisce la mano, invece se qualcuno “vede”, il gioco prosegue e viene scoperta la quarta carta. Arrivati a questo punto si segue lo stesso procedimento del secondo giro, poi si scopre la carta sul tavolo che essendo la quinta indica l’ultima manche. Comincia così una nuova serie di puntate. Se la puntata fatta da un giocatore viene chiamata da almeno un altro giocatore, entrambi i giocatori dovranno mostrare le carte (showdown). Tra i due vince chi ha la mano migliore che deve essere obbligatoriamente composta da 5 carte. In caso di parità il piatto viene diviso.

In caso di torneo No-Limit, ossia senza limite di puntata, qualsiasi giocatore ritenga di avere una mano spettacolare può giocarsi tutte le chips facendo all-in.

Ricordiamo infine che è importante non abusare del bluff, il quale deve essere utilizzato contro ottimi giocatori di poker e non contro quelli inesperti che chiedono generalmente di mostrare le carte che l’avversario ha in mano. Quest’arma segreta va quindi conservata per le occasioni speciali.

Top